Selezione di post che hanno attirato la mia attenzione scelti per voi dalla blogsfera

Non dimentichiamoli!!!

"Semplicemente insieme"

AMATRICE 2016

20 secondi… 40 secondi… 80 secondi… e tuo marito, tua moglie, i tuoi figli, tuo padre, tua madre non vivono più. Perdi tutto. Perdi ogni riferimento.Cosa faccio? dove sono? Dov’è la mia casa? Non la riconosco più. Il mio lavoro. Il sorriso dei miei figli…. E ripensi a quante inutili liti, a quante volte del tuo parere, della tua opinione ne hai fatto una questione di vita o di morte. Quante volte, di sciocchezze, di stupidaggini ne hai fatto una questione di principio? Poi quando le uniche cose che contano nella tua vita non ci sono più, quando non hai più nè risorse nè speranze nè braccia che ti stringono nè baci che ti consolano, quanto ti guardi attorno sperduto tra sassi, polvere e mattoni e giocattoli, allora capisci che non si gioca più, che non c’è più tempo per riparare a quella frase sparata come un…

View original post 451 altre parole

Liberi di Essere

Penso che i seguenti link possano essere di aiuto a tutti gli amici blogger, che come il sottoscritto si sono trovati nella condizione di veder plagiare i propri contenuti (e non è la prima volta). Mi limito a postare i link di post utili al caso, dove potrete trovare informazioni più dettagliate. Per quanto mi riguarda, visto che il tizio si è limitato a cancellare i miei commenti e le mie richieste da ogni sua piattaforma sociale, ho provveduto a contattare il servizio di hosting che ospita il suo sito (Altervista), includendo i link delle pagine copiate e richiededone la rimozione, poiché rappresenta un danno nelle indicizzazioni di google e si rischia di venir penalizzati con l’eliminazione anche del post originale (oltre al danno, la beffa).

Questo è il primo link, e proviene da SOS WP (immagine di riferimento): https://sos-wp.it/sito-copia-contenuti-cosa-fare/
screenshot-sos-wp-it-2016-09-07-18-35-02

Questo è invece un link che tratta di WP-CopyProtect, un…

View original post 22 altre parole

Gheula Canarutto Nemni

Schermata 2016-08-18 alle 22.02.23L’ebraismo si basa su un principio fondamentale. Il libero arbitrio. La possibilità di ogni individuo di intraprendere la propria strada.

La Torah, la legge ebraica, suggerisce una via. Sta poi all’essere umano, uomo o donna che sia, seguirne o meno il suggerimento.

Nessuno impone di mangiare kasher, né di rispettare lo shabat.

Nessuno impone di mettere la kippah o di coprire il proprio corpo in spiaggia.

In Israele ci sono spiagge separate per uomini e donne, spiagge miste, spiagge libere e spiagge sorvegliate. Ognuno è libero di scegliere la spiaggia che più gli piace.

Sono ebrea e indosso un costume modesto per andare al mare. Copre le braccia fino al gomito, le gambe fino al ginocchio. Lo indosso per scelta. Non pensavo che il mio costume un giorno avrebbe fatto notizia, finendo sui titoli di tutti i giornali de mondo come minaccia ai valori occidentali.

Tra il burkini e il…

View original post 394 altre parole

E già, maggiore umanità, e maggior senso della misura

L'altra Israele

homs

Sul giornalino del mio kibbutz è stato pubblicato l’estratto di una lettera che Tal, una dei bambini nati e cresciuti in questa nostra atmosfera così calma e bucolica da essere il più delle volte completamente avulsa dalla realtà circostante. Tal si trova in questo momento ad Amsterdam dove lavora per mettere da parte dei soldi che le permetteranno di finanziare un lungo viaggio per esplorare qualche parte più o meno sconosciuta del globo. Un’attività molto comune fra i giovani israeliani che dopo aver terminato il servizio militare preferiscono prendersi una lunga pausa prima di riprendere lo schema così  scontato e conosciuto di studi, lavoro, casa e famiglia. Ma diamole subito la parola.

View original post 254 altre parole

Il Palazzo di Sichelgaita

di Paolo Portoghesi

L’abbazia di Saint-Denis manifesto dell’architettura gotica.

Facciata della Basilica di Saint-Denis dopo i lavori di restauro. Facciata della Basilica di Saint-Denis dopo i lavori di restauro.

Il dilemma se l’architettura sacra debba essere umile e spoglia o debba rispecchiare la ricchezza e lo splendore della creazione, attraversa tutta la storia della Chiesa cattolica ed è ancora oggetto di animate discussioni. Due grandi personalità del medioevo rappresentano al più alto livello questo conflitto ideale: san Bernardo da Chiaravalle e l’abate Sugero, il primo, più giovane del secondo di nove anni, sostenitore del rigorismo che aveva ispirato l’architettura cistercense, il secondo considerato il realizzatore di un edificio, la chiesa abbaziale di Saint-Denis, nei pressi di Parigi, che si può definire il manifesto della architettura gotica.

View original post 2.421 altre parole

Ho avuto un incubo

Un incubo – o una realtà – su cui riflettere…

AVVOCATOLO

DSC_0638.JPG

[Foto personale, baia di S. Francisco, ore 5.20]

Ho avuto un incubo.

Meno male che è quasi finito.

Ho sognato che per decenni lavoravo quattordici ore al giorno, con punte di ventiquattro e mai sotto le dodici.

Ho sognato che per i primi anni per tutte quelle ore lavorate, e avendo procurato guadagni al mio datore di lavoro oscillanti tra cinquanta e duecentomila euro al mese, ricevevo in cambio la metà di quanto riceveva il parcheggiatore abusivo nella piazza del mio paese natio (dove al massimo potevi parcheggiare tre auto, per cui mi son sempre chiesto di cosa campava sto povero Cristo).

Ho sognato che l’ambiente di lavoro era putrefatto, popolato da orchi maligni, elfi dall’apparenza buona ma dalla sostanza marcia, convinti che la comodità e sicurezza della propria autostrada a quattro corsie passasse inevitabilmente per l’annichilimento dell’altrui mulattiera dissestata.

Ho sognato che gli orchi mi frustavano ad ogni battere di ciglia, con la loro lingua tagliente come…

View original post 827 altre parole

A Elvira

E anche questa da brividi…

Marisa Cossu

Stelle[1]

Dove sei ora che come luna

confondi all’alba il tuo chiarore

nell’aria diafana e leggera

e vai libera stella

nel mistero del cielo che ti accoglie;

dove hai portato il tuo volto

di bambina dormiente,

il tuo puro cuore di madre,

il respiro d’amore,

 nell’ abbraccio infinito del cielo…

e tutto quello che sei resta qui

a  guardare ancora il mare

nel tuo abito azzurro.

E noi che cosa siamo

se non parti della tua anima,

se non atomi della tua bellezza

destinati a riunirsi

in un raggio di sole.

                                                                   © Marisa Cossu

 

View original post

Tag Cloud